Tiropratico.com®

MISURIAMO IL FREE - BORE

 

 

Il "FREE-BORE", lo spazio che intercorre tra il proiettile e l'inizio delle rigature della canna, (ne abbiamo parlato nella pagina FREE BORE ) o almeno, è lo spazio che intercorre tra la parte del proiettile di calibro esatto (uguale al diametro della canna) più avanti ad esso e l'inizio della rigatura. Pagine e pagine sono state scritte su questa misura ed è stato più volte affermato che questo piccolo spazio, questa distanza deve avere una misura ben precisa, più essa è precisa e più preciso sarà l'abbinamento arma - munizione.

Sappiamo quindi che lo spazio deve essere limitato da 0,5 a 2,0 mm. a secondo del calibro e del tipo di munizione usata, nonchè del tipo di arma. Ogni tiratore dovrebbe, oltre che alle solite prove di tiro, di ricaricamento e di scelta dei componenti per la ricarica, conoscere quale sia la miglior misura del free bore per la proria arma.

La principale difficoltà che gli utenti trovano in questa fase è, secondo quanto ci dichiarano, misurare l'esatto free bore massimo, misura basilare per calcolare poi il free bore da adottare. La classica cartuccia vuota con il proiettile inserito in parte e poi camerata spesso non funziona a dovere, cosi meglio produrre in proprio un misuratore "universale" adattabile, calibro per calibro, a tutte le armi e non solo, un misuratore che permetta di trovare l'esatto free bore anche per diverse forme di proiettile.

Abbiamo sperimentato un ottimo sistema per prodursi in casa e utilizzare un semplice misuratore di free bore da tenere sempre a portata di mano e che non dovrebbe mancare nell'attrezzatura di un buon ricaricatore e tiratore.

Si tratta di un idea semplicissima che si può produrre con poco, si basa sulla possibilità di muovere il proiettile in avanti una volta montato nel bossolo. Spostandolo in avanti e inserendolo nella camera di cartuccia, si può con facilità conoscere l'esatta lunghezza massima della propria cartuccia nella propria canna. Una volta in camera, il proiettile è spinto in avanti da una vite filettata che passa attraverso il foro di vampa opportunamente adattato e filettato a sua volta, con un cacciavite si può agire sulla vite e quindi spingere il proiettile fino a fargli toccare le rigature avendo cosi la misura del free bore 0 (zero). Da questa si potrà ricavare la misura più adatta per la nostra canna.

Adatto per ogni tipo di cartuccia, da quella per pistola a quella per carabina, richiede 30 minuti di lavoro per prepararlo, un attrezzo che però durerà una vita essendo pressochè indistruttibile.

Cosa serve:

Un bossolo sparato del calibro desiderato.
Una filiera di passo tra 4 e 8 mm. (noi abbiamo usato il 6 mm).
Una barretta dilettata del diametro desiderato adatta al filetto che eseguiremo con la filiera.
Un trapano con relative punte, meglio se un trapano a colonna.
Un seghetto a ferro, una lima, una morsa e un cacciavite o giraviti.

Passiamo all'esecuzione:

Provvediamo a fare un foro nel fondello del nostro bossolo con il trapano dopo aver tolto l'innesco, un foro adatto al tipo di filetto che poi vi andremo a fare. Fatto il foro provvediamo a filettarlo interamente. (vedi le foto qui sopra)

Tagliamo un pezzo di barretta filettata, pochi millimetri più lunga del bossolo, con la lima rendiamo le due estremita pulite e senza spigoli vivi, con la lama del seghetto, produciamo un intaglio trasversale su una delle due estremità per poterla avvitare con il giraviti.

Le foto qui sopra riproducono il lavoro eseguito su un bossolo del 9X21 e del .45HP

Avvitiamo la barretta e assicuriamoci che sporga da entrambi i lati. Se useremo un bossolo ricalibrato, il movimento del proiettile sarà più difficoltoso e duro, se utilizzeremo un bossolo sparato il proiettile tenderà a sfilarsi ogni volta che lo spingeremo, sarebbe opportuno ricalibrate liebenente solo parte del colletto rendendo il movimento del proiettile morbido ma evitando che si sposti da solo. In alcuni casi basta schiacciare con le dita il bordo del bossolo sparato per ovalizzarlo, il proiettile in questo modo è trattenuto elasticamente quanto basta.

Non resta che fare le nostre prove. inseriamo interamente il proiettile nel bossolo dopo aver svitato quasi completamente la vite, introduciamo il bossolo nella camera di cartuccia dopo aver smontato la canna dell'arma.

Ora avvitando la vite con un giraviti, la faremo appoggiare alla base del proiettile, continuando ad agire con il giraviti, inizieremo a spingere il proiettile verso le rigature della canna. Ci accorgeremo che il proiettile tocca le rigature perchè a quel punto il bossolo tenderà a indietreggiare e sfilarsi dalla canna. Se tratteniamo il bossolo con un dito, sentiremo il giravite indurirsi quando la palla entrerà in contatto con le rigature. Come si vede nelle foto qui sopra, a sinistra il bossolo è interamente nella camera, il proiettile è affondato in esso, nella foto centrale il proiettile ha racciunto le rigature e il bossolo inizia a muoversi, a questo punto sarebbe bastato tornare indietro di circa un quarto di giro per avere una perfetta misura del free bore 0 (zero), ma abbiamo continuato per farvi vedere il funzionamento, nella terza foto il bossolo sta uscendo dalla camera e probabilmente anche il proiettile sarebbe uscito dal bossolo se non ci fossimo fermati. Qui sotto due immagini della misurazione del free bore con due proiettili differenti, lo scarto di oltre un millimetro dimostra come, al variare della forma dell'ogiva anche il free bore cambia.


L'interessante di questo progetto è la possibilità di riutilizzo infinita, non chè la possibilità di utilizzarlo con varie forme di proiettile, in modo da avere la misura del giusto free bore per ogniuno di essi.

L'idea non è nuova, scopriamo solo ora che è possibile acquistare misuratori di free bore nelle armerie specializzate: http://www.armeria-arcieria-firenze.it/shop/product.php?productid=16510

 

Tiropratico.com