Tiropratico.com®

TAPER CRIMP - FACTORY CRIMP
OVVERO
IL 4° DIE

 

I tipici ricaricamenti casalinghi per produrre munizioni per arma corta semiautomatica realizzano spesso munizioni dalla forma cosidetta a "clessidra", tipico il 9x21 e tutte le munizioni simili come il .38 super auto o acp, il 9 Steyr, il 9x25 e il 9 Bergman.

Il problema è causato dal sistema di ricaricamento casalingo, infatti i DIE che utilizziamo in casa, hanno caratteristiche ben diverse da quelli industriali. Il Die ricalibratore e prodotto per ricalibrare una munizione già sparata mentre in una Ditta produttrice di munizioni, i bossoli sono sempre nuovi e già pronti, il Die in questo caso ha solo una funzione di controllo.

Così a casa quando ricalibriamo un bossolo il nostro Die lo costringe a deformarsi e a riformarsi in una forma lievemente più stretta del bossolo originale, ciò per far si che una volta estratto dal Die, a causa della sua elasticità, abbia la forma originaria. Poi a guardare bene, in verità, le munizioni ricaricate in casa finiscono sempre per essere ristrette per eccesso, cosi un bossolo 9x21 ricalibrato ha solitamente un diametro interno al colletto di 8,7 mm. mentre il proiettile ha un diametro esterno di 9,06 mm.

Tutto ciò è giusto, infatti il proiettile (se blindato) viene inserito a forza nel colletto del bossolo che lo trattiene saldamente senza bisogno di altri accorgimenti.
Ma inserendo in un cilindro come il nostro bossolo che ha un diametro interno inferiore al proiettile una palla larga 9,06 mm. costringiamo questo a deformarsi e dilatarsi per tutta la lunghezza della palla inserita, solitamente da 4 ai 5 mm.
Nasce così la mitica forma delle munizioni ricaricate (ma spesso anche quelle nuove) in cui il bossolo si restringe lievemente al centro riallargandosi alle due estremità. Nulla di male, il diametro del bossolo al colletto ha sempre la giusta misura, se mai è al centro che il bossolo è lievemente più stretto ma questo non influisce minimamente sul tiro ne' sul funzionamento dell'arma, è solo una questione estetica che però qualcuno non gradisce.

Spesso allora si interviene con il "taper crimp" o il "factory crimp" insomma con il 4° die fornito in molte confezioni di DIE.
Si prendono tutte le munizioni appena ricaricate e si ripassano in questo Die che ne riforma il corpo del bossolo così da dare allo stesso una forma più simile a una cartuccia originale.

 

 

Ma se questo Die non viene usato con estrema attenzione ecco cosa può succedere: qui sopra un immagine di una munizione 9X21: 1) il bossolo 9x21 è un bossolo rimless cilindrico-conico lungo 21 mm. largo alla base 9,85 mm. ricalibrato (9,93 mm. CIP) e al colletto 9,35 mm. ricalibrato (9,63 mm. CIP). Notiamo subito che la ricalibratura casalinga ha ridotto lievemente le misure del bossolo rispetto a quelle richieste (CIP), ciò però garantisce buona alimentazione in tutte le armi di questo calibro.
2) Una volta inserito il proiettile il diametro del colletto diventa effettivamente 9,63 mm. come richiesto dalle tabelle CIP mentre la base rimane del diametro indicato sopra. Ecco formata la munizione con la tipica forma di una clessidra. Come detto a parte la forma che può non piacere alla vista, la munizione funziona perfettamente.
3) Il 4° Die permette però di comprimere il colletto (ricalibrare) o la parte più estrema del bossolo, quella dilatata dalla palla inserita, donando alla munizione l'aspetto di una cartuccia originale ma...
4) Stringere il bossolo per portarlo alla misura del corpo, solitamente un decimo o un decimo e mezzo inferiore provoca anche il restringimento della parte affondata nel bossolo stesso della palla. Ecco quindi la forma di un proiettile che è stato inserito in un bossolo 9x21 poi ripassato in un taper crimp per ridare allo stesso bossolo la giusta forma.
5) Un proiettile estratto da una munizione non lavorata con il taper crimp.

 

 

Non è uno scherzo, l'uso irresponsabile del 4° Die, può provocare più danni di quanta bellezza può dare ai vostri bossoli, ricordiamo poi che una cartuccia deve essere sicura, funzionale, precisa, potente e non per questo bella. L'immagine qui sopra dimostra come l'uso del 4° Die ha prodotto una evidente e dannosa riduzione del calibro della palla. La conseguenza sarà una minore stabilità di canna, perdita di gas e tiro impreciso.

E poi assurdo ricercare la bellezza nella munizione a discapito della precisione, specialmente per chi fa gare, la dove una munizione a "clessidra" funzioni nell'arma esattamente bene come una originale, cilindrica o conica.

Aggiungiamo che i bossoli come appunto il 9X21 e le munizioni consorelle, il .45acp, il .40SW devono mantenere il proprio bordo anteriore del colletto; vivo e del giusto diametro perchè possa appoggiare sul risalto posto in fondo alla camera di cartuccia. Deformare, ridurre piegare tale bordo porta a ulteriori problemi.

Qui a fianco si può capire come un proiettile compresso nel colletto di un bossolo che è stato forzato in un 4° Die abbia perso l'originale capacità di trattenere i gas in canna e ora abbia anche un baricentro lievemente spostato.

Concludiamo con il dire che l'uso del 4° Die deve essere dettato solo da motivi meccanici, come ad esempio una difficoltosa alimentazione o cameratura in canne particolari, comunque anche in questi casi l'uso di taper crimp o factory crimp deve essere fatto con estrema cura, intervenendo solo sul bossolo senza alterare forme e lunghezze essenziali di bossolo e proiettile.

 


Tiropratico.com